Fondazione Accademia Carrara di Bergamo Il nuovo direttore è Emanuela Daffra.

Fondazione Accademia Carrara di Bergamo
Il nuovo direttore è Emanuela Daffra.Emanuela Daffra è il nuovo direttore della Fondazione Accademia Carrara, il primo dopo la riapertura dell’aprile 2015 e dall’avvio della Fondazione, ente nato con lo scopo di promuovere e valorizzare la pubblica fruizione del patrimonio di Accademia Carrara nonché, secondo l’ispirazione del suo fondatore conte Giacomo Carrara, “promuovere lo studio delle belle arti onde giovare alla Patria e al Prossimo”.
 L’incarico avrà la durata di quattro anni e potrà essere confermatoEmanuela Daffra, Milanese nata nel 1960 e storica dell’arte, si è laureata presso l’Università degli Studi di Pavia e ha conseguito il perfezionamento presso l’Università Cattolica di Milano.
Il nuovo direttore assumerà le sue funzioni intorno alla metà di gennaio 2016

Sulla scelta a favore di Emanuela Daffra, oltre all’innegabile qualità dei suoi studi e all’alto livello delle sue esperienze professionali, ha influito la sua idea, descritta nel progetto presentato per la nomina del nuovo direttore, per il futuro sviluppo della pinacoteca.
Secondo Daffra, il futuro dell’Accademia Carrara si deve basare sull’accesso alla cultura come diritto impostato sulla ricerca, la conservazione, l’educazione e la comunicazione. L’Accademia Carrara dovrà affermare sempre più la propria identità a livello locale, nazionale e internazionale.

Punti fermi del progetto di sviluppo sono la centralità dell’Accademia Carrara nella vita culturale della città e lo stretto collegamento con la città di Bergamo e con la sua provincia; la volontà di rafforzare i rapporti con istituzioni nazionali e internazionali; la centralità delle opere e del pubblico, veri protagonisti del progetto di rilancio; una comunicazione efficace a 360° attraverso i tanti strumenti a disposizione. Tutti componenti che concorreranno, in concerto, a rendere riconoscibile “lo stile Carrara e rendere la Fondazione un laboratorio esemplare di come il patrimonio culturale possa creare innovazione e benessere”.
Emanuela Daffra dal 1990 è in servizio presso la Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici della Lombardia Occidentale e ha ricoperto e ricopre vari incarichi.
Rivelano una particolare conoscenza della città di Bergamo e del suo territorio, alcuni ruoli ricoperti in vari anni come:
dal 1992 al 2001: responsabile della provincia di Bergamo e referente per il sistema museale civico di Bergamo;
dal 2001 al 2008: responsabile per la città di Bergamo, con l’eccezione dell’Accademia Carrara, e della Galleria d’Arte Moderna e responsabile per la Valle Brembana e Valli contermini.

Emanuela Daffra, come richiesto dal bando, dovrà curare il progetto culturale di Accademia Carrara, facendone un luogo vitale, inclusivo, capace di promuovere lo sviluppo della cultura; assicurare la qualità della gestione e comunicazione, dell’innovazione didattica e tecnologica, favorendo la partecipazione attiva del pubblico e garantendo effettive esperienze di conoscenza; mantenere una stretta relazione con il territorio anche al fine di incrementare la collezione; organizzare mostre temporanee, promuovere attività di studio, restauro, valorizzazione; proporre prestiti d’opere; favorire campagne di sensibilizzazione e raccolte fondi; realizzare iniziative di divulgazione, educazione, formazione e ricerca.

Il Consiglio di Amministrazione di Fondazione Accademia Carrara, presieduta da Giorgio Gori, è composto da Marco Fumagalli, Angelo Pietro Piazzoli, Corrado Benigni, Miro Radici, Willi Zavaritt.

Accademia Carrara istituita a Bergamo, nel 1796, per volontà di Giacomo Carrara, come complesso unico di Scuola di Pittura e Pinacoteca, in cui confluì la sua straordinaria raccolta di dipinti. Nel corso di oltre duecento anni si è arricchita grazie a lasciti di grandi conoscitori come Guglielmo Lochis, Giovanni Morelli e Federico Zeri. Memoria e simbolo del collezionismo italiano, Accademia Carrara custodisce capolavori assoluti della storia dell’arte, testimonianze di cinque secoli con Donatello, Pisanello, Foppa, Mantegna, Giovanni Bellini, Botticelli, Bergognone, Raffaello, Tiziano, Baschenis, Fra Galgario, Tiepolo, Canaletto e Piccio. Tra le eccellenze, Accademia Carrara vanta tra i più importanti corpus al mondo di opere di Lorenzo Lotto e Giovan Battista Moroni.

Ora in corso, IO SONO IL SARTO . MORONI A BERGAMO, un coinvolgente percorso espositivo dedicato a Giovan Battista Moroni. All’interno di tre prestigiose sedi museali: Accademia Carrara, Museo Adriano Bernareggi, Museo di Palazzo Moroni intorno a Il Sarto, capolavoro proveniente dalla National Gallery di Londra. Un viaggio per riscoprire le opere più note, i dipinti sacri recentemente restaurati dalla Fondazione Credito Bergamasco e i ritratti più celebri. Fino al 28 febbraio 2016.

Fondazione Accademia Carrara di Bergamo Il nuovo direttore è Emanuela Daffra.ultima modifica: 2015-12-05T08:31:00+01:00da modaefashion
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento